Indice del forum

Forum ufficiale di Filippo Timi

Forum ufficiale di Filippo Timi detto Filo "Vediamo cosa dicono di me!!!"

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Con l'arte reinvento la vita: Filippo Timi a LA NAZIONE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Peggio che diventare famoso
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Ferruccio Timi








Registrato: 23/10/06 20:14
Messaggi: 223
Ferruccio Timi is offline 

Località: Perugia
Interessi: Sport, Cinema Teatro
Impiego: Impiegato
Sito web: http://www.filippotimi...

MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 1:28 pm    Oggetto:  Con l'arte reinvento la vita: Filippo Timi a LA NAZIONE
Descrizione:
Rispondi citando

L’INTERVISTA al giornale LA NAZIONE 27/1/2009

Timi: «Con l’arte reinvento la vita» di SOFIA COLETTI
«HO UNA RINCORSA nella vita così forte che non riesco a fermarmi. Io non mi dò tregua, non mi accontento mai, devo inseguire il desiderio di saldare il debito d’amore che mi porto dentro». Parlare con Filippo Timi equivale a scoprire un mondo di sensibilità profonda, di sincerità disarmante, di entusiasmo ironico e poetico dove l’arte non si distingue dalla vita. Per l’attore perugino questo è un momento d’oro. Sempre più richiesto e lanciato nel cinema dopo la splendida performance in «Come Dio comanda» di Gabriele Salvatores, pronto a rituffarsi a teatro, eccolo tornare anche nelle vesti di scrittore con il suo terzo libro, «Peggio che diventare famoso». E’ un singolare ‘diario di lavorazione’ del film di Salvatores che Filippo sta presentando in tutta Italia con un tour promozionale da vera superstar («ho dato più baci - ammette ridendo - e ricevuto più richieste di matrimonio in questi giorni che in tutta la vita. Imbarazzante ma bello») che finirà con due attesissime date umbre. Venerdì alla Libreria Grande di Ponte San Giovanni, sabato alla Feltrinelli, con tanto di proiezione al Pavone (i dettagli nell’articolo a fianco). Per raccontarsi con il suo stile intenso, incalzante, autobiografico. «Perché - dice - quello che non riesco ad afferrare nella vita, provo a reinventarlo nell’arte».
Come è nato questo libro?
«Direttamente sul set di ‘Come Dio comanda’. Tornavo in albergo stanchissimo, non riuscivo a dormire e mi mettevo a scrivere. Sul foglio rielaboravo quello che avevo vissuto per capire, per dare un nome alle mie insicurezze, alle tensioni, perfino al rapporto con mio padre. Alla fine tutto tornava».
Il titolo è una chiave di lettura?
«Mi piace l’incognita intrinseca, quel pensare a cosa possa essere peggio che diventare famoso. Voglio sporcare il mondo del cinema, raccontare le assurdità che si nascondono dietro l’apparenza luccicante della fama. Così parlo della normalità falsata, della perdita di essere strappato dalla propria vita per indossarne un’altra. Il titolo si prende in giro come mi prendo in giro io».
L’autoironia è spesso feroce..
«Quando la posta in gioco è altissima è meglio non essere mai contenti, ti spinge a fare meglio. Io ammetto il terrore ai provini con Bellocchio e Salvatores, il timore di essere cacciato dal film dopo il primo giorno, i dubbi. Tanti attori mi hanno detto che si ritrovano in quelle insicurezze e paure».
Cos’è meglio tra recitare e scrivere?
«E’ uguale, mi sento a mio agio quando trovo il coraggio di avere coraggio e non mi preoccupo di essere giusto o sbagliato. Con la scrittura voglio andare contro la finzione, distruggere i tabù e le frasi fatte, ma sempre con la comicità, l’ironia spesso amara. Un sorriso può alleviare i momenti duri della vita».
Lo stesso nel cinema?
«Penso agli effetti speciali e vorrei essere uragano, fuoco o grandine. Vorrei diventare così bravo da scatenare con la mia faccia un temporale di sentimenti».
Nuovi progetti, in questo vortice?
«Tanto teatro, con una riscrittura dell’Amleto che di Amleto ha solo l’idea iniziale, comica e tragica, un po’ come me. Debutterò al Morlacchi il primo aprile e non è un pesce... Poi ho due film in uscita, ‘Vincere’ di Marco Bellocchio con Giovanna Mezzogiorno, dove interpreto Mussolini, e un noir, ‘La doppia ora’ con Ksenia Rappoport. E poi scrivo sempre, chissà forse ho un’idea per un quarto libro ma ho capito che non si deve programmare troppo. Accadrà quando deve accadere».
Sofia Coletti LA NAZIONE
FILIPPO TIMI E IL RITORNO A PERUGIA, PROGRAMMA:
Show coi fans e una proiezione al Pavone
— PERUGIA —
UN WEEK-END con Filippo Timi che vuole chiudere ‘in casa’ il tour promozionale di «Peggio che diventare famoso» (Garzanti Editore), terzo libro dopo «Tuttalpiù muoio» e «E lasciamole cadere queste stelle». L’attore scrittore lo presenterà venerdì alle 20,30 alla Libreria Grande di Ponte San Giovanni (dove è nato e cresciuto) e sabato alle 18 alla Feltrinelli in Corso Vannucci. Nello stesso giorno la Cinegatti propone al cinema Pavone, alle 16, la proiezione di «Come Dio comanda» (all’origine del libro) e alla fine, intorno alle 17.40, Timi sarà in sala per incontrare il pubblico, alla sua maniera.
Le presentazioni dei libri sono spesso degli show
«Sono totalmente improvvisate — racconta Timi — e mi faccio anche il regalo di balbettare. Sono io davanti al pubblico, in modo semplice, forse spiazzante. Di solito ci si difende ma io mi sono così esposto nel libro che non posso tirarmi indietro».Contento di tornare?
«Sono felicissimo, non vedo l’ora, davvero, anche perché rivedo la mia famiglia. Tornare nella propria città è un’emozione fortissima, il successo avuto in teatro due anni fa mi ha riempito il cuore. Di solito non si è mai eroi in casa... E poi adoro il dialetto perugino, mi considero un paladino della ‘grifagnaggine’ che sarebbe il grifo che abbraccia il donca».
intervista di Sofia Coletti La Nazione
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Indirizzo AIM Yahoo Messenger MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 1:28 pm    Oggetto: Adv



Torna in cima
Tiziana777







Età: 40
Registrato: 11/01/09 14:34
Messaggi: 35
Tiziana777 is offline 

Località: Città di Castello (PG)
Interessi: Musica, libri, sogni,persone
Impiego: Impiegata amministrativa
Sito web: http://www.drugsoff.it

MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 5:30 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

"S'è de perugia? e alora parla col DONCA"
Very Happy Very Happy
SPIAZZANTE è il termine che + di tutti secondo me si addice a Filippo, e cmq. a tutte le persone che sono così, senza trucco e senza inganno, così,senza un altro fine dietro, così, talmente spontanee nella loro SEMPLICITA' che ti spiazzano, perchè da una "maschera" te l'aspetti qualche coltello che potrebbe pugnalarti alle spalle, ti prepari, ti lasci molte moltissime riserve....davanti alle persone vere, quelle che non hanno bisogno di mascherarsi, che nn hanno bisogno di essere alla moda, che non hanno bisogno di dire quello che è "politicamante" giusto quelle che, a torto o a ragione mandano avanti sè stessi, con coraggio ed umiltà, bè questi sono i + pericolosi, perchè sei costretto ad "amarli"!
Tiziana

_________________
Non essere amati è una sfortuna,
Non saper amare è una tragedia!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
tella







Età: 41
Registrato: 25/01/09 14:02
Messaggi: 16
tella is offline 

Località: Roma

Impiego: educatrice


MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 6:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

brava Tiziana.............
_________________
ciao
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email MSN Messenger
Tiziana777







Età: 40
Registrato: 11/01/09 14:34
Messaggi: 35
Tiziana777 is offline 

Località: Città di Castello (PG)
Interessi: Musica, libri, sogni,persone
Impiego: Impiegata amministrativa
Sito web: http://www.drugsoff.it

MessaggioInviato: Gio Gen 29, 2009 6:35 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie Tella!!!!
Un abbraccio Razz

_________________
Non essere amati è una sfortuna,
Non saper amare è una tragedia!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
ulalume







Età: 53
Registrato: 16/01/09 08:55
Messaggi: 2211
ulalume is offline 

Località: Voghera/Milano
Interessi: musica, cinema, teatro, viaggi, letture
Impiego: impiegata
Sito web: http://lnx.cyanidesun....

MessaggioInviato: Ven Gen 30, 2009 9:08 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tiziana777 ha scritto:
"S'è de perugia? e alora parla col DONCA"
Very Happy Very Happy
SPIAZZANTE è il termine che + di tutti secondo me si addice a Filippo, e cmq. a tutte le persone che sono così, senza trucco e senza inganno, così,senza un altro fine dietro, così, talmente spontanee nella loro SEMPLICITA' che ti spiazzano, perchè da una "maschera" te l'aspetti qualche coltello che potrebbe pugnalarti alle spalle, ti prepari, ti lasci molte moltissime riserve....davanti alle persone vere, quelle che non hanno bisogno di mascherarsi, che nn hanno bisogno di essere alla moda, che non hanno bisogno di dire quello che è "politicamante" giusto quelle che, a torto o a ragione mandano avanti sè stessi, con coraggio ed umiltà, bè questi sono i + pericolosi, perchè sei costretto ad "amarli"!
Tiziana



Grazie per le belle parole, Tiziana, che condivido in tutto e per tutto.
Cristina
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Ferruccio Timi








Registrato: 23/10/06 20:14
Messaggi: 223
Ferruccio Timi is offline 

Località: Perugia
Interessi: Sport, Cinema Teatro
Impiego: Impiegato
Sito web: http://www.filippotimi...

MessaggioInviato: Gio Feb 05, 2009 12:16 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Filippo Timi si racconta Il coraggio di essere se stessi «Le radici, un valore in più»
articolo di SOFIA COLETTI

— PERUGIA —
UN VORTICE di emozioni forti, di ironia a ruota libera, di confessioni e aneddoti per inquadrare in tutta la sua ricchezza interiore l’attore del momento. Filippo Timi (nella foto) si conferma un magnifico istrione anche nel presentare il suo terzo libro, «Peggio che diventare famoso», nato dall’esperienza sul set di «Come Dio comanda» di Salvatores. Lo ha fatto in modo insolito e originale, con un ‘tour de force’ che venerdì sera ha riempito all’inverosimile la Libreria Grande di Ponte San Giovanni (dove Filippo è nato e cresciuto) per replicare ieri pomeriggio al Pavone (per la proiezione del film) e più tardi alla Feltrinelli. Un successo travolgente come l’entusiasmo dei fans che lo hanno assediato a lungo per autografi, baci e foto.
E’ chiaro che per le date perugine Timi vuole puntare sul legame con la sua città, sul dialetto, con letture e momenti irresistibili in perfetto donca, «sull’umbritudine che è salutare, mi salva, mi fa mantenere sano e impedisce al mio ego di diventare smisurato davanti al successo o a un poster di 30 metri». Non è stato facile, all’inizio. «Ho avuto il coraggio di espormi, di uccidere i miei fantasmi, di lasciare Ponte San Giovanni dove ero lo sfigato del quartiere. Il teatro mi ha insegnato a riappacificarmi con me stesso, lì i miei problemi si sono trasformati in qualità, e quando sono tornato a casa ho ritrovato il senso dell’appartenenza, mi sono riappropriato di quel fango e sangue che mi dà un valore in più». E’ un piacere sentirlo parlare, di quanto racconta di una cena al Festival di Venezia con Sharon Stone o del legame fortissimo con la madre. Il coraggio lo trova anche nel ribadire i problemi alla vista o l’essere balbuziente. «Mi prendo sempre in giro, tutti ridono e rido anch’io anche se un po’ muoio dentro. Ma è meglio il sorriso generale che bloccarsi, non parlare, non uscire di casa».
Timi si muove alla grande tra cinema, teatro, letteratura, radio, è richiestissimo ma ha le idee molto chiare. «Adesso tutti mi chiamano, mi arrivano proposte d’ogni genere ma sono snob, non accetto i film facili, i blockbuster. Ho l’escamotage di non chiedere quanto mi pagano». Come attore si considera «strano, fuori dai canoni classici, molto fisico. Infatti mi danno ruolo forti, non politicamente corretti e a me piace far uscire l’umanità del personaggio. A teatro adoro i monologhi, le parole, al cinema preferisco parlare poco». Che consigli dare a un aspirante attore? «Studiare tantissimo, ogni strada è buona per partire. La passione è fondamentale, io l’ho presa come un aut aut, senza alternative e l’ho alimentata con studi durissimi».

Sofia Coletti
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage Indirizzo AIM Yahoo Messenger MSN Messenger
ulalume







Età: 53
Registrato: 16/01/09 08:55
Messaggi: 2211
ulalume is offline 

Località: Voghera/Milano
Interessi: musica, cinema, teatro, viaggi, letture
Impiego: impiegata
Sito web: http://lnx.cyanidesun....

MessaggioInviato: Gio Feb 05, 2009 9:32 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bell'articolo e gran belle foto.
Grazie Ferruccio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
biccia







Età: 37
Registrato: 16/12/08 23:43
Messaggi: 2125
biccia is offline 

Località: roma
Interessi: cinema
Impiego: studentessa


MessaggioInviato: Sab Feb 07, 2009 3:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

foto meravigliosa! grazie infinite!
_________________
***biccia***
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Peggio che diventare famoso Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Forum ufficiale di Filippo Timi topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008